Orgoglio, superbia e autostima - giugno un mese per riflettere

Orgoglio, superbia e autostima – giugno un mese per riflettere

Cosa significa la parola orgoglio?

Orgoglio, superbia e autostima - giugno un mese per riflettere
ROME, ITALY – JUNE 08: People take part in the annual Gay Pride Parade on June 8, 2019 in Rome, Italy. (Photo by Antonio Masiello/Getty Images)

Essere orgogliosi del proprio Paese, delle proprie origini, della propria vita e degli obiettivi raggiunti. E ancora, essere orgogliosi di se stessi, di come si è stati in passato; orgoglio per le proprie idee, per i propri cari, per le proprie convinzioni. Quando e di cosa è importante essere orgogliosi? Alla voce “orgoglio” la Treccani specifica:

[dal franco *urgoli, ted. ant. urgol «notevole»; cfr. rigoglio]

E’ interessante considerare che grazie a una veloce analisi dell’etimologia di questo vocabolo si sia arrivati a “notevole” da un lato e “rigoglio” dall’altra. Entrambi i termini mancano della duplice accezione positivo – negativa che ha assunto nel tempo la parola orgoglio. Provare il sentimento dell’orgoglio significa infatti avere un’eccessiva stima per se stessi ma anche provare una giustificata fierezza per qualcuno o per qualcosa.

Orgoglio, superbia e autostima - giugno un mese per riflettere
WEST HOLLYWOOD, CALIFORNIA – JUNE 09: Participants seen at the LA Pride Parade on June 09, 2019 in West Hollywood, California. (Photo by Chelsea Guglielmino/Getty Images)

Notevole e rigoglio vanno a definire delle qualità positive; come si è giunti ad accostare nel tempo l’accezione negativa alla parola orgoglio? La psicologia entra in gioco spiegando che il troppo orgoglio ha in sé la superbia mentre in una giusta dose diventa autostima. Quindi ecco che per raccontare di una parola ne sono scese in campo tre: orgoglio, superbia e autostima. Ma com’è possibile che in una lingua complessa come l’italiano, in cui abbiamo il lusso di poter spesso scegliere e selezionare la giusta parola che identifichi i propri pensieri, si incappi nell’ambivalenza circa un termine così importante.

Orgoglio, superbia e autostima - giugno un mese per riflettere
LONDON, UNITED KINGDOM – JUNE 26: King’s Cross tunnel is lit with the rainbow flag colours to celebrate Pride Jubilee, on June 26, 2019 in London, United Kingdom. The first Gay Pride Rally was held in London on 1 July 1972 to commemorate the anniversary of the USA Stonewall riots of 1969. Pride London was formed in 2004 and is now known as Pride in London. It celebrates the diversity of the Lesbian, Gay Bisexual and Trans+ (LGBT) community with a parade and festival and is widely supported by businesses and organisations across the City. (Photo by Quintina Valero/Getty Images)

Quando si insinua l’accezione negativa?

Una risposta netta e puntuale riguardo questo quesito non è affatto facile da rintracciare; ma continuando a ragionare, si può chiedere aiuto a fatti storici, per trovare una via grazie alla quale ragionare. Il mese dell’orgoglio è proprio giugno. Questo perché il 28 giugno 1969 a New York, precisamente nel bar gay The Stonewall Inn del Greenwich Village, c’è stato un forte scontro tra la polizia che ha fatto irruzione e gruppi di omosessuali. Un evento passato alla storia come il primo di questi scontri che hanno portato alla nascita dei cosiddetti moti di Stonewall.

Orgoglio, superbia e autostima - giugno un mese per riflettere
The Stonewall Inn, immagine presa dal sito www.thestonewallinn.com

Un momento storico che ha segnato la nascita del movimento della liberazione gay, un momento di orgoglio. Ebbene, è forse vero che quando si guarda al passato è più semplice comprendere il significato della parola orgoglio, sentendola vicina ad un accezione positiva; e questo perché? Forse perché c’è stato chi ha combattuto per un ideale e forse è morto per questo. Ma ecco che nel 2020 – come nel secolo scorso – orgoglio torna nella sua duplice valenza, si ritorna quindi a parlare di orgoglio, superbia e autostima anche quando si fa riferimento a qualcosa che dovrebbe essere positivo.

Orgoglio, superbia e autostima - giugno un mese per riflettere
TEL AVIV, ISRAEL – JUNE 14: Reveller takes part in the annual Gay Pride Parade on June 14, 2019 in Tel Aviv, Israel. Tens of thousands of Israelis and tourists packed the streets of Tel Aviv for the annual LGBT pride march (Photo by Amir Levy/Getty Images)

Dove va a nascondersi e insinuarsi il valore negativo di quello stesso termine con cui invece si vuole fare riferimento allo stato d’animo non criticabile della propria dignità. O meglio, perché se oggigiorno si dice “orgoglio gay” c’è chi percepisce qualcosa di stonato in termini ma se si racconta di un fatto avvenuto in passato come i moti di Stonewall Inn si è probabilmente sopraffatti dall’orgoglio di sentirsi testimoni di un evento che ha segnato la nascita di un cambiamento. Tuttora si vive in società in cui l’orgoglio è al centro di dibattiti; c’è chi lo riconosce positivamente, chi appunto ritiene che sia un bene essere orgogliosi di chi si è, e chi invece crede ancora di sapere cosa questo termine debba significare. Jane Austen in Pride and Prejudice del 1813 ragionava su questa parola. Lei ha raccontato di quello che può essere tradotto come orgoglio aristocratico da un lato e il pregiudizio di classe sociale dall’altro. Da 1813 al 2020 l’orgoglio non ha rinunciato alla sua duplice faccia, ma forse sarebbe il momento di tornare a vedere la parola orgoglio come legata al significato di notevole e rigoglio, tralasciando quel pizzico di superbia che ha spinto questo sentimento ad essere motivo di scontro.

Orgoglio, superbia e autostima - giugno un mese per riflettere
REFILE – UPDATING REVELLER’S NAME Gilson from Germany poses with an American flag as he participates in the Gay Pride parade along Paulista Avenue in Sao Paulo, Brazil, June 23, 2019. REUTERS/Nacho Doce – RC1DD9C3B050

Editoriale

Valeria Magini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto