Mario-Benedetti-

L’arte del saper vivere- No Te Rindas di Mario Benedetti

Tra il vivere e il saper vivere, vi è una “natura di pensiero” diversa? 

Benedetti ha lasciato all’ interno della poesia “No te rindas” un prezioso insegnamento di carattere morale ad un lettore che ha voglia di rimettersi in gioco ed imparare a rialzarsi nonostante le svariate incertezze e difficoltà. 

Chi è Mario Benedetti? 

Il poema preso in considerazione è stato scritto da uno dei poeti più importanti della letteratura latino-americana. 

Parliamo di Mario Orlando Hamlet Hardy Brenno Benedetti Farugia, meglio noto come Mario Benedetti, figlio di immigranti italiani: Brenno Benedetti, Matilde Farugia (Paso de los Toros, 14 settembre 1920 – Montevideo, 17 maggio 2019). Lo scrittore e drammaturgo uruguaiano fece parte della “Generacion del 45” la quale è un fenomeno di tipo sociale, politico e culturale sorto fra gli anni del 1945-1950, trasformando a sua volta l’identità intellettuale uruguaiana. 

Oltre ad avere un incredibile dote nel colpire i lettori con le sue poesie, Benedetti si caratterizza come autore cosmopolita. Diversi i paesi da lui stesso visitati, per svariati motivi, tra i vari viaggi ritroviamo il trasferimento in Spagna, dove collaborò con il quotidiano “El País” e l’esilio in Argentina a causa dell’appoggio al movimento marxista nel suo paese di origine.

Infine particolarmente interessante è l’attività intellettuale nel corso della quale partecipò come giurato al concorso “Casa de las Americas” insieme a Ruben Darío e l’adesione al Congresso latinoamericano degli scrittori in Messico. 

Si potrebbe dedurre che la figura di Mario Benedetti viene sin da sempre ricordata a livello internazionale, giacche ha lasciato un’impronta nel movimento letterario e non solo. 

No te rindas   

No te rindas                                                                                                                                        

No te rindas, aun estas a tiempo                                                                         

de alcanzar y comenzar de nuevo,                                                                      

aceptar tus sombras, enterrar tus miedos,                                           

liberar el lastre, retomar el vuelo.                                                                              

No te rindas que la vida es eso,                                                                            

continuar el viaje,                                                                                                                          

perseguir tus sueños,                                                                                                                     

destrabar el tiempo,                                                                                                                                

correr los escombros y destapar el cielo.                                                             

No te rindas, por favor no cedas,                                                                   

aunque el frio queme,                                                                                                           

aunque el miedo muerda,                                                                                                    

aunque el sol se esconda y se calle el viento,                                       

aun hay fuego en tu alma,                                                                                             

aun hay vida en tus sueños,                                                                                               

porque la vida es tuya y tuyo tambien el deseo,                                   

porque lo has querido y porque te quiero.                                                             

Porque existe el vino y el amor, es cierto,                                                           

porque no hay heridas que no cure el tiempo,                                      

abrir las puertas quitar los cerrojos,                                                                             

abandonar las murallas que te protegieron.                                               

Vivir la vida y aceptar el reto,                                                                                     

recuperar la risa, ensayar el canto,                                                                     

bajar la guardia y extender las manos,                                                           

desplegar las alas e intentar de nuevo,                                                                          

celebrar la vida y retomar los cielos,                                                                         

No te rindas por favor no cedas,                                                                       

aunque el frio queme,                                                                                                            

aunque el miedo muerda,                                                                                                    

aunque el sol se ponga y se calle el viento,                                                

aun hay fuego en tu alma,                                                                                            

aun hay vida en tus sueños,                                                                                           

porque cada dia es un comienzo,                                                                                    

porque esta es la hora y el mejor momento,                                            

porque no estas sola,                                                                                                                      

porque yo te quiero.               

Non ti arrendere                                                                         

Non ti arrendere

Non ti arrendere, sei ancora in tempo

di raggiungere e cominciare di nuovo 

accettare le tue ombre, seppellire le tue  paure

Liberare il peso, riprendere il volo.

Non ti arrendere che la vita è questo,

 continuare il viaggio,

inseguire i tuoi sogni 

liberare il tempo

Rimuovere le macerie e aprire il cielo

Non ti arrendere, per favore non cedere, 

 Nonostante il freddo bruci,

Nonostante la paura morda,

nonostante il sole si nasconda e taccia il vento

C’è ancor fuoco nella tua anima

C’è ancor vita nei tuoi sogni 

Perché la vita è tua ed è anche tuo il desiderio

Perché lo hai voluto e perché ti amo,

Perché esiste il vino e l’amore, è vero 

Perché non ci sono ferite che il tempo non curi 

aprire le porte togliere le catene

Abbandonare le mura che ti hanno protetto,

 Vivere la vita e accettare la sfida,

Recuperare la risata, provare il canto, 

Abbassare la guardia e stendere le mani

Aprire le ali e tentare di nuovo,

 Celebrare la vita e tornare ai cieli,

Non ti arrendere per favore non cedere,

Nonostante il freddo bruci 

nonostante la paura morda, 

nonostante il sole si occulti e il vento taccia

C’è ancor fuoco nella tua anima

C’è ancora vita nei tuoi sogni

Perché ogni giorno è un inizio

perché questa è l’ora ed il momento migliore 

perché non sei sola

Perché ti amo.

Caratteristiche generali

Il poema è stato scritto negli anni ‘90, si racchiuse all’interno del libro “Poesia con los jovenes” nel 1997. E composta da 3 strofe di diversa lunghezza, la prima è costituita da una sestina e funge da “preambolo” per la poesia ed inoltre vi è un progressivo incalzare dei versi. la seconda e la terza hanno un’amplia lunghezza di periodi, i quali permettono di raggiungere gradualmente l’emozione apice. La presenza del climax dà enfasi a ciò che l’autore vuole esaltare. questa caratteristica traspare nelle figure retoriche come quella di ripetizione, specialmente di anafore, epanalessi, metafore, ossimori e sinestesie: 

aunque el frio queme,     

Nonostante il freddo bruci, 

aunque el miedo muerda,       

Nonostante la paura morda, 

aunque el sol se esconda y se calle el viento, 

nonostante il sole si nasconda e taccia il vento 

aun hay fuego en tu alma,           

C’è ancor fuoco nella tua anima 

aun hay vida en tus sueños, 

C’è ancor vita nei tuoi sogni 

porque la vida es tuya y tuyo tambien el deseo,

Perché la vita è tua ed è anche tuo il desiderio 

porque lo has querido y porque te quiero.       

Perché lo hai voluto e perché ti amo, 

Porque existe el vino y el amor, es cierto,     

Perche esiste il vino e l’amore, è vero 

porque no hay heridas que no cure el tiempo,     

Perché non ci sono ferite che il tempo non curi. 

aceptar tus sombras, enterrar tus miedos,   

accettare le tue ombre, seppellire le tue paure, 

Una meta, uno scopo, un obbiettivo

Il messaggio che l’autore delinea  nei versi di questa magnifica poesia è ben chiaro: l’impulso agire con determinazione, forza e speranza; Ambizioni necessarie a superare situazioni che chiunque, per lo meno una volta nella propria vita, ha sperimentato. 

Secondo alcune ricerche questa poesia è utilizzata e raccomandata come strumento di auto-aiuto nei centri psichiatrici per i pazienti affetti da depressione e instabilità emozionale. Inoltre, può essere indirizzato ad un pubblico vario: adolescenti, adulti, anziani, uomini, donne, persone affette da qualche patologia e non solo. 

La dedica ha un’ambivalenza, in quanto si potrebbe dedicare anche a sé stessi. 

Scelte traduttive

Il lessico presentato nella poesia è in gran parte quotidiano e comprensibile. Vi è la presenza di due parole che riscontrano nella traduzione una piccola incongruenza che risulterebbe poco fedele se inserita direttamente, secondo la RAE hanno un significato più o meno diretto in confronto alla traduzione proposta: 

°El Lastre: è un materiale pesante, come acqua o sabbia, il quale viene posto nelle imbarcazioni o nelle mongolfiere e che nel momento in cui viene rilasciata porta a guadagnare leggerezza. 

Prendendo in considerazione la definizione sopra riportata si nota la somiglianza con il verso ideato da Benedetti :“liberar el lastre, retomar el vuelo.” 

Il lessema spagnolo all’interno del periodo è stato tradotto in uno stile più semplice: 

“liberare il peso, riprendere il volo” 

°Destrabar: Togliere gli ostacoli. 

Nella frase “Destrabar el tiempo” si sceglie di tradurre come “Liberare il tempo” che si ritrova simbolicamente bloccato da delle barriere che in spagnolo sono chiamate “trabas”. 

Conclusione

Mario Benedetti ha ripreso un concetto fondamentale chiamato Resilienza, in psicologia viene attribuito come una capacità di affrontare positivamente eventi traumatici, “riprendendo il volo” come la mitologica Fenice.

Articolo di

Valentina Piazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto