Amore urbano

Vuote volute di fumo

si dissolvono qui dentro.

Polmoni, gola, stomaco.

Ecco, gambe che muovono

questo corpo di cartone,

attraversato dall’aria

invernale. Un pugnale

di vento freddo punge ora,

piano, la pelle pallida

di un volto illuminato.

.

.

.

Un sole lontano bacia

la tangenziale infinita.

Due corpi si muovono nella linea

delle nuvole, sfuggendo veloci

da ogni definizione, nel caos.

Traffico, Rumore, Smog.

 

 

Simona Ciavolella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto